Panchina Roma, chi sale e chi scende: tra il solito Sarri e la novità Gasperini

Oramai siamo giunti anche alla fine del mese di  aprile e la Roma ancora non ha scelto chi sarà il condottiero che la guiderà in panchina nella prossima stagione. Di nomi se ne fanno tanti tutti i giorni: il gm Tiago Pinto sembra oramai aver abbandonato l’idea di concedere un terzo anno al suo connazionale Paulo Fonseca, 48 anni, che nelle ultime giornate di campionato ha perso terreno rispetto alle posizioni di testa per entrare in Europa. C’è ancora la doppia semifinale di Europa League con il Manchester United a poter salvare la stagione ma anche in caso di successo della competizione sembra decisa la scelta tra la Roma e Paulo Fonseca, che si diranno addio.

Come riporta il Corriere dello Sport, i Friedkin sembrano aver puntato su Maurizio Sarri ex Napoli, Chelsea e Juventus, visto che l’altro nome accostato alla società capitolina Massimiliano Allegri, sembra tornare sulla panchina della Juventus.  L’entourage di Maurizio Sarri ha avuto diversi incontri con i dirigenti della Roma e negli ultimi tempi sembra essere balzato in testa alla lista dei nomi del post Fonseca sulla panchina giallorossa per la prossima stagione.

Nelle ultime ore, però, a Trigoria circola una voce nuova per la prossima panchina giallorossa, che è quella rappresentata da Gian Piero Gasperini,  tecnico della formidabile Atalanta affrontata ieri sera all’Olimpico, vicino ai colori giallorossi già due stagioni fa, quando sembrava volersi allontanare dai bergamaschi. L’allenatore atalantino ha un contratto con la società di Percassi fino al 30 giugno 2022 e guadagna 2,5 milioni di euro all’anno.

Panchina Roma tra Sarri e Gasperini

Gasperini, sulla panchina dell’Atalanta dal 2016, potrebbe decidere di cambiare aria al termine di questa stagione, dopo aver giocato la finale di Coppa Italia contro la Juventus. E’ molto probabile che il prossimo allenatore della Roma sia un nome italiano e che probabilmente venga scelto tra Sarri e Gasperini. Sembrano oramai abbandonate le piste straniere del gm Tiago Pinto che portano ai vari Sergio Conceiçao, Amorim e Nagelsmann.