Cagliari, nel segno del passato l’ultimo test prima di Manchester

Cagliari negli ultimi anni per la Roma è stata un campo di battaglia a tutti gli effetti dal quale i capitolini hanno rimediato pesanti sconfitte e altrettanti risultati soddisfacenti, anche in circostanze importanti per il futuro del club giallorosso. Questa volta non sarà così, o meglio la sfida contro i sardi, in programma oggi alle 18, non servirà molto per il cammino in Serie A, come ormai si ripete da tempo per quasi tutto le partite di campionato, ma avrà il sapore dell’ultimo test in previsione della sfida contro il Manchester. Fonseca si approccerà a questa partita per dare fiato a chi sarà chiamato in causa giovedì prossimo in Europa League e potrà permettere a chi, invece, rientrerà di poter riprendere confidenza con il campo, vedi Smalling e Kumbulla.

SARDEGNA, PARTE 1: TERRA DI DISFATTE E BRUTTI RICORDI

Il passato con i rossoblù riporta indietro alla memoria a una serie di partite dei giallorossi guidati da Ranieri per fare un esempio: in particolare l’anno in cui la Roma fece una cavalcata verso il tentativo fallito di conquistare lo scudetto nella stagione 2009/2010. Nel gennaio del 2010, all’epoca quinti, la marcia verso la risalita in classifica passò anche dalla Sardegna. Un 2-2 siglato da Pizarro e Perrotta che trasudava vittoria e alla fine si trasformò in un pareggio per mano di Lopez e Conti. L’anno dopo il mister romano fu decisamente più sfortunato: 5-1 (in gol De Rossi). Il Cagliari guidato dal Capitano Daniele Conti, a segno, insieme alle rete di Matri, Acquafresca e Lazzari, piegò una Roma di partita male in campionato quella volta e che poi franò nel corso della stagione. Non fu nemmeno tanto fortunato Luis Enrique punito con un pesante 4-2 da un Cagliari in cui allora giocava proprio Nainggolan, quell’ex del match che questa volta non sarà presente, a causa di una squalifica. Successivamente ci furono la vittoria a tavolino nel 2012 e il successo l’anno dopo con la tripletta di Destro, uscito felice dallo stadio, e poi squalificato per una manata a Davide Astori.

SARDEGNA, PARTE 2: ULTIMI 5 ANNI SUCCESSI E PAREGGI

Non ci sono state, però, solo ombre nella sfida tra Cagliari e Roma in terra sarda, negli ultimi anni i capitolini hanno ottenuto comunque un risultato soddisfacente. Rispetto al passato più lontano, guardando alle stagioni dal 2014 in poi la Roma, che sia stata targata Garcia, Spalletti, Di Francesco o Fonseca, non ha mai perso. Cinque anni fatti di 3 vittorie e 2 pareggi. Lo scorso anno, quando già incombeva il Covid e il campionato era vicino allo stop per mesi, a marzo il gruppo guidato dal mister portoghese riuscì ad aggiudicarsi l’intera posta in palio al termine di un match fatto di botta e risposta: da un lato con la doppietta di Joao Pedro e il gol di Pereiro e dall’altra con la doppietta di Kalinic e le reti di Kluivert e Mkhitaryan. Proprio il brasiliano questo pomeriggio potrebbe mettere in difficoltà la difesa della Roma, ancora tutta da definire visto il rientro di Smalling e Kumbulla, la squalifica di Ibanez e la necessità di dare un turno di riposo a Cristante, in ottima forma ma comunque necessario per la trasferta di Europa League. A tal proposito Fonseca dovrebbe fare dei cambi nel reparto arretrato pensando soprattutto alla sfida contro i Red Devils che richiederà un grande sforzo anche dal punto di vista della difesa e non solo per chi si dovrà occupare di andare a segno.