Superluna blu, l’appuntamento tanto atteso è arrivato. Le immagini spettacolari

L’evento che avrebbe visto comparire la luna piena più grande dell’anno è arrivato nella notte tra il 30 e 31 agosto: le testimonianze e l’origine del nome Superluna blu.

perchè si chiama superluna blu
La luna piena più grande dell’anno: le testimonianze e l’origine del nome (Instagram) – Romatube.it

Il fenomeno della Superluna blu, o più comunemente conosciuta con il nome anglosassone di Blue moon, è uno degli eventi più attesi dagli esperti ma anche dagli appassionati che si affannano ad immortalare l’evento. La Superluna blu era infatti attesa nella notte tra il 30 e il 31 agosto, preparando così gli spettatori ad alzare la testa verso il cielo per osservare lo spettacolo.

Sui social sono stati in molti che hanno non soltanto commentato, ma anche fotografato la grande luna piena. Mentre gli esperti di astrologia si sono affrettati a riportare orari e informazioni utili per godersi l’evento. Infatti, secondo i dati registrati, erano oltre le 3 di notte quando la luna ha raggiunto il suo punto più vicino alla Terra apparendo più piena e luminosa. Ma vediamo nel dettaglio cosa significa Superluna blu e quando è solita apparire.

Cos’è la Superluna blu e perché si chiama così

Per quanto possa sembrare un fenomeno raro, in realtà la Superluna si verifica dalle quattro alle sei volte in un anno. Il nome Supermoon indica la fase della luna in cui si ritrova illuminata dal sole a minima distanza dal pianeta Terra, o meglio conosciuto in gergo come plenilunio. Questo evento crea così l’effetto di una luna molto più grande e piena del solito, oltre che più luminosa.

La Superluna blu, invece, non si riferisce alla colorazione del satellite ma al fenomeno del plenilunio che avviene due volte nello stesso mese. Questo evento non è così impossibile come sembra, ma può accadere ogni manciata d’anni tra una apparizione e l’altra. L’ultima volta si è verificato nel 2018, per questo 2023 l’evento ha avuto luogo due volte nel mese di agosto, l’1 e il 31.

superluna blu origine nome
Cos’è la Superluna blu e perché si chiama così (X – F. Saba) – Romatube.it

L’aggettivo blu semplicemente è una traduzione dall’inglese, in cui l’espressione “una volta ogni Luna blu” indica la rarità di un evento. In questo caso, si riferisce all’aspetto insolito della luna che può assumere un colore azzurrino in determinate situazioni uniche, come appunto può essere quella della Superluna blu. Ciò che rende la Superluna blu ancora più particolare, è la possibilità di poterla osservare anche attraverso delle fotocamere con uno zoom avanzato senza per forza ricorrere in telescopi o strumenti specifici. Chi non è riuscito a catturare l’evento, può consolarsi nell’attesa della prossima Superluna blu già prevista.

Quando apparirà di nuovo la Superluna blu: l’evento

superluna blu 2037
Quando apparirà di nuovo la Superluna blu: il doppio plenilunio (Instagram) – Romatube.it

Se tra il 2018 e il 2023 non è trascorso molto tempo per poter di nuovo cogliere la Superluna blu, chi non è riuscito a vederla per questo mese di agosto dovrà aspettare nel 2037. E’ questo, infatti, l’anno previsto in cui dovrebbe apparire nuovamente un doppio plenilunio nello stesso mese. Solitamente non c’è un solo modo in cui può verificarsi la Superluna blu, ma c’è la possibilità che oltre ad avere cadenza due volte in un mese possa anche verificarsi la terza luna piena. Questo, però, non è accaduto nelle due volte precedenti.

Coloro che invece hanno avuto la possibilità di vedere il fenomeno, hanno lasciato traccia delle loro testimonianza sul web sia con scatti fotografici che attraverso delle riprese video il cui risultato in molti casi è stato davvero spettacolare. Sui vari social è infatti possibile, attraverso l’hastag #superlunablu, recuperare molti di questi fermo immagine. Come ad esempio lo scatto che ritrae una bellissima luna piena sul Santuario Madonna di San Luca a Bologna. Ma anche altre città sono state teatro di questa speciale Superluna blu, come si nota dalle condivisioni social, facendo così consolare chi ha perso lo spettacolo e dovrà attendere un po’ di anni prima di immortalarlo a sua volta.

Impostazioni privacy