Turnover rischioso, ma Fonseca cala il poker d’assi

Buona la prima in Europa per la Roma. I giallorossi, dopo due successi consecutivi in campionato contro Udinese e Benevento, vincono 2-1 in rimonta sul campo dello Young Boys con i gol di due difensori: Bruno Peres e Kumbulla. La squadra capitolina con i 3 punti conquistati vola in testa al Gruppo A di Europa League insieme al Cluj, che ha battuto 2-0 in trasferta il CSKA Sofia.

TURNOVER6 gare in 18 giorni, questo è il motivo principale che ha spinto Paulo Fonseca a schierare 9 giocatori diversi rispetto alla sfida con il Benevento. Soltanto Cristante e Pedro sono partiti titolari sia nella partita di Serie A che in quella di coppa. Tante le scelte a sorpresa nel turnover del tecnico portoghese, due su tutte Fazio e Juan Jesus che ormai sembravano ai margini del progetto romanista. L’argentino ha sfruttato l’occasione e ha mostrato qualche segnale positivo, mentre il brasiliano è apparso fuori condizione e sempre in ritardo nelle chiusure difensive. Il quintetto spagnolo mandato in campo dall’allenatore giallorosso, invece, ha funzionato a metà. Pau Lopez è stato decisivo con una bella parata sul tiro di Elia nel secondo tempo. Carles Perez ha confermato quanto di buono aveva fatto vedere nell’ultimo turno di campionato con due spunti interessanti tra primo e secondo tempo. Villar ha disputato una partita ordinata senza grandi giocate. Pedro, uno dei migliori nelle ultime uscite in campionato, non ha inciso. La prestazione di Borja Mayoral è risultata abbastanza anonima e ha evidenziato l’importanza di Dzeko, come se ce ne fosse bisogno, nel gioco romanista.

POKER D’ASSI – Le scelte iniziali del tecnico portoghese non hanno convinto, ma non è colpa sua se le riserve non sono all’altezza dei titolari. Nel secondo tempo con i 4 cambi si è vista la differenza. Fonseca ha calato il poker d’assi: Leonardo Spinazzola, Edin Dzeko, Jordan Veretout e Henrikh Mkhitaryan. Questi quattro calciatori hanno alzato il livello tecnico della squadra e hanno contribuito alla rimonta. Dzeko ha servito l’assist (51° con la maglia della Roma) al bacio per l’1-1 di Bruno Peres, che poi ha dichiarato a fine gara: “Quando ho visto che la palla è arrivata a Dzeko ho fatto uno scatto, sapevo che poi sarebbe arrivata a me”. Mkhitaryan ha sfornato un passaggio vincente per il 2-1 di Kumbulla, che ha permesso alla Roma di completare il sorpasso sullo Young Boys. Alla fine l’idea di Fonseca di far riposare i big e vincere la partita è stata quella giusta.