Sfide europee: i precedenti di Roma-Cluj

La Roma ritorna in Europa League dove affronterà i rumeni del Cluj

Dopo 4 giorni dalla fantastica vittoria ottenuta in casa per 2-0 contro la Fiorentina, la Roma ritorna in Europa League dove affronterà i rumeni del Cluj. I giallorossi hanno affrontato gli ospiti per ben 4 volte nella loro storia, tutte in Champions League. Le prime due nella stagione 2008/2009, le altre nella stagione 2010/2011. Andiamo a ripercorrerle.

Roma-Cluj 1-2

Il primo Roma-Cluj risale alla stagione 2008/2009 valevole per la prima giornata del girone di Champions League. L’allenatore della Roma Luciano Spalletti schiera i suoi il consueto 4-2-3-1: Doni; Cicinho, Cassetti, Panucci, Riise; De Rossi, Aquilani; Taddei, Baptista, Tonetto; Vucinic. La squadra rumena allenata da mister Trombetta manda in campo i suoi con un 4-3-3: Stancioiu; Tony, Cadù, Viera, Pereira; Muresan, Dani, Trica; Culio, Konè, Dubarbier. L’allenatore dei rumeni ha preparato un Cluj molto attento in fase difensiva e la Roma sembra avere non poche difficoltà a scardinare la retroguardia romena. Al 13′ la partita sembra però cambiare, Vucinic si divora il gol del 1-0 da posizione favorevolissima ma è il preludio di un periodo che regalerà ai giallorossi le migliori cose del primo tempo. Al 15′  Vucinic questa volta per vie centrali, l’attaccante montenegrino si gira bene ma il suo tiro si stampa sul palo. Al 17′ De Rossi ruba una palla sulla fascia destra e mette al centro dove Panucci, rimasto in avanti dopo un corner, la mette dentro di testa e porta in vantaggio i giallorossi. La Roma smette di giocare e al 27′ Culio chiede il triangolo con Trica che di tacco restituisce il pallone, il tiro dell’argentino è imparabile e vale l’1-1. Inizia il secondo tempo e il Cluj ribalta il risultato con Culio grazie ad un errore di Cassetti che devia quel tanto che basta per metterlo in condizione di battere al volo e realizzare 1-2. Spalletti prova a scuotere i suoi al 51′ inserisce Totti al posto di Riise, ma per poter assistere alla prima azione pericolosa bisogna attendere il 65′ con De Rossi che spara a lato di poco. La Roma non gioca più e non riesce ad organizzare una qualunque azione pericolosa. Il match terminà 2-1 per il Cluj.

Roma-Cluj 2-1

Il secondo match si ha nella stagione 2010/2011 sempre in Champions League. La Roma questa volta è allenata dal mister testaccino Claudio Ranieri e schiera i suoi con il 4-4-2: Lobont, Cicinho, Burdisso, Mexes, Castellini, De Rossi, Pizarro, Perrotta, Menez, Totti, Vucinic. Il Cluj di Roberto De Zerbi, oggi tecnico del Sassuolo,  risponde così: Nuno Claro, Panin, Cadu, Alcantara, Rada, Dica, Kivuvu, Edimar, Juan Culio, Hora, Traore. Inizia il match e la Roma si fa pericolosissima al 16′, quando su uno schema da punizione Burdisso sbaglia l’assist sotto porta, e ogni volta che riesce a creare superiorità numerica con gli esterni. Al 30′ si vede il Cluj con una ripartenza a mille all’ora, Traore supera Burdisso ma grazia Lobont con una sberla sulla traversa. I giallorossi spingono con costanza nella parte finale del parziale, trovando sempre pronto Nuno Claro. Il portiere portoghese al 37′ se la cava in due tempi su Vucinic e poi su Totti dopo una gran giocata del montenegrino. Inizia la ripresa e Ranieri manda in campo Adriano per Menez ma è ancora una volta Traore, al 7′, a cogliere un altro legno con un sinistro da fuori. La Roma ci prova soprattutto da fuori con Pizarro e Vucinic, Ranieri allora capisce che ha bisogno di idee nuove ed inserisce Borriello per Vucinic e Cassetti per Cicinho. Grazie a questa mossa i giallorossi fanno l’uno-due letale in un paio di minuti. Il vantaggio arriva al 24′: angolo basso di Pizarro per Mexes, che appena da dentro l’area colpisce con un sinistro che porta in vantaggio i suoi. Il raddoppio arriva al 26′: lancio preciso di De Rossi per Borriello, che con uno strepitoso sinistro al volo lascia di sasso l’incolpevole Nuno Claro. Inutile il gol dell Cluj a 11′ dalla fine che accorcia le distanze con un gran colpo di testa di Rada direttamente su punizione. Il match termina 2-1 per i giallorossi.