Roma, Insigne non rinnova col Napoli: occasione per gennaio?

Il futuro di Lorenzo Insigne, a meno di rilanci clamorosi dell’ultimo minuto, sembra ormai segnato: il Capitano del Napoli lascerà il club. La proposta di De Laurentiis infatti è a scendere: il presidente ha proposto un quadriennale da 3,5 milioni a stagione, mentre il giocatore vorrebbe il medesimo stipendio attuale, ovvero 5 milioni. Un rinnovo con quasi il 30% in meno rispetto all’attuale contratto.

Embed from Getty Images

Una cosa che a Insigne non va giù, e le parole del suo procuratore Vincenzo Pisacane nei giorni scorsi lo hanno ribadito: “Ho letto tante sciocchezze sui giornali, anche da giornalisti importanti. Lorenzo non ha rifiutato nessun offerta irrinunciabile. Al mio assistito è stato offerto un contratto a ribasso di quasi il 50% rispetto a ciò che guadagna oggi. Io faccio il procuratore del capitano e lo devo tutelare sempre. Ognuno fa il suo gioco ma la società deve fare un passo avanti. I rinnovi si fanno al rialzo, non al ribasso, basta vedere il trattamento riservato ad altri giocatori. Lorenzo è rimasto spiazzato. Non riteniamo congrua la proposta, De Laurentiis dice quel che crede ma bisognerebbe chiedergli quale è stata la sua offerta e perché il giocatore l’ha rifiutata. 7 milioni l’anno più 7 di bonus alla firma? Cazzate. Ci sentiamo abbastanza spesso, l’ultima telefonata non è stata delle migliori ma non possiamo puntarci le pistole alle tempie. Il suo caso fa rumore, forse nessuno si aspettava questo epilogo. Anzi, forse Lorenzo sì. Dopo tanti anni con la stessa maglia sarebbe dura vestirne un’altra in Serie A. Ma è un mio pensiero”

Rapporto ai minimi termini dunque, tanto che la possibilità che il divorzio possa avvenire nel prossimo mese di gennaio è davvero molto concreta: dal prossimo 2 gennaio infatti, il giocatore potrebbe già firmare con un nuovo club. Ed ecco che spunta la Roma.

UN FLIRT CON MOURINHO CHE DURA DA MAGGIO

A Mourinho il giocatore piace, e da parecchio: già a fine maggio l’allenatore portoghese aveva dato mandato a Tiago Pinto di sondare il terreno per capire la situazione rinnovo col Napoli e già all’epoca la questione sembrava essere molto spinosa. Mesi dopo il rinnovo sembra essere ancora in alto mare e la sessione invernale potrebbe essere un’ottima possibilità per i giallorossi.

Embed from Getty Images

Le cifre dell’opeazione restano comunque alte: la richiesta, come detto, resta di 5 milioni e per un 31enne, in linea con la nuova politica societaria, è ancora uno stipendio proibitivo. Vero è che l’esborso economico sarebbe solo lo stipendio, dato che arriverebbe a parametro zero a Trigoria. In tutto questo sarebbe già arrivata una prima offerta dalla MLS: si tratta del Toronto, club canadese, che avrebbe messo sul piatto 7 milioni di euro all’anno per quattro stagioni più bonus. Una cifra che sicuramente fa tentennare il calciatore.

Anche in Europa la concorrenza non manca: nelle ultime ore anche il Bayern Monaco avrebbe mostrato interesse per il capitano azzurro, ma all’estero sarebbe il Tottenham di Antonio Conte la squadra più interessata In Italia, invece, oltre la Roma (che resta in vantaggio) ci sono anche la Lazio e l’Inter che hanno fatto, al momento, solo dei tipidi sondaggi. Bisognerà capire, alla fine, quale sarà la reale volontà di Insigne: andare a chiudere la carriera oltreoceano, oppure rimanere in Europa per cercare di dare ancora qualcosa al calcio del Vecchio Continente.