I guadagni della Roma in Europa League

Questa sera la Roma sarà impegnata nella partita di ritorno contro l’Ajax di Erik ten Hag valevole l’accesso alle semifinali di Europa League. Una sfida importantissima per gli uomini di mister Fonseca, chiamati a difendere l’ottimo risultato ottenuto alla Johan Cruijff Arena. Risultato importantissimo sia dal punto di vista sportivo ma anche economico.

Embed from Getty Images

La sorellastra della Champions League

Ormai lo sanno anche i muri. L’Europa League così pensata dagli organi UEFA non avrà mai lo stesso appeal della sorella maggiore Champions League. Tanto e troppo il divario venutosi a creare tra le due maggiori competizioni europee per club.

Un divario non solo agonistico ma soprattutto organizzativo ed economico. Problematiche che molto spesso hanno portato molte squadre del nostro campionato ad abbandonare senza troppi rimpianti la corsa all’Europa League. Torneo troppo dispendioso dal punto di vista fisico per una squadra non attrezzata e torneo poco proficuo dal punto di vista economico per far competere al massimo tutti i club.

Il peccato originale di questa competizione sta nella differenza di montepremi tra Champions League ed Europa League: mentre per la prima competizione europea il montepremi totale stanziato è pari a 1,95 miliardi di euro, per la seconda competizione il montepremi ammonta a circa 560 milioni di euro (cifra che diventa ancora minore se consideriamo che in Europa League le squadre partecipanti sono ben 48). 

Nonostante le enormi differenze economiche sinteticamente descritte, dal punto di vista del club dei Friedkin, il passaggio del turno non solo farebbe compiere alla Roma una sorta di miracolo sportivo ma incrementerebbe il piccolo tesoretto che la compagine giallorossa è riuscita a portare fini qui a casa.

Divisione premi Europa League

I 48 club che hanno preso parte a questa edizione dell’Europa League possono contare su un gettone presenza pari a 2,92 milioni di euro.

A questi vanno aggiunti quelli ottenuti per ogni vittoria durante le fasi a girone (bonus di 570.000 euro a vittoria e di 190.000 euro per i pareggi) e il bonus di 1 milioni di euro per tutte le squadre che sono riuscite a chiudere il proprio girone al primo posto.

Devono essere inoltre calcolati i ricavi derivanti dai diritti TV, il cosiddetto market pool, che vale circa 168 milioni di euro complessivi.  Questo cifra sarà suddivisa “in base al valore proporzionale di ciascun mercato televisivo rappresentato dai club partecipanti alla UEFA Europa League (dalla fase a gironi in poi) e suddivisi tra le squadre partecipanti di ogni federazione”.

Oltre ai diritti TV, la cui quota verrà calcolata solo alla fine del torneo, ci sono ulteriori bonus stanziati dalla UEFA legati ai risultati sportivi raggiunti dai singoli club:

  • Sedicesimi di finale – Premio di 500.000 euro;
  • Ottavi di finale – Premio di 1,1 milioni di euro;
  • Quarti di finale – Premio di 1,5 milioni di euro;
  • Semifinali – Premio di 2,4 milioni di euro;
  • Finale – Premio di 4,5 milioni di euro;
  • Bonus vittoria – Premio di 4 milioni di euro aggiuntivi.

Embed from Getty Images

Tesoretto Roma

Fin qui il cammino dei giallorossi in Europa League è stato esaltante. Ben 9 vittorie su 11 partite complessive disputate dalla squadra di mister Fonseca. Risultati che hanno portato i giallorossi a concentrarsi con maggior dedizione al cammino europeo.

Grazie ai risultati ottenuti fin qui, La Roma è già riuscita ad incassare oltre 12 milioni di euro così suddivisi:

  • 2,92 milioni di euro – Bonus presenza;
  • 3 milioni di euro – Ranking storico;
  • 2,47 milioni di euro – Risultati sportivi raggiunti nel girone (4 vittore e 1 pareggio)
  • 1 milioni di euro – Primo posto nel girone;
  • 500 mila euro – Accesso ai Sedicesimi di Finale.
  • 1,1 milioni di euro – Accesso agli Ottavi di Finale;
  • 1,5 milioni di euro – Accesso ai Quarti di Finale.

Come detto in precedenza, a questo piccolo tesoretto, andrebbero aggiunti i ricavi provenienti dai Diritti TV.

La partita di questa sera diventa assolutamente fondamentale per il destino dei giallorossi. Vincere contro l’Ajax non solo darebbe slancio ad una stagione fin qui costellata da alti e bassi, ma permetterebbe al club giallorosso di trovare ulteriori risorse economiche per tentare finalmente di competere con maggior impegno e dedizione in Italia e in Europa.

Battere l’Ajax vorrebbe dire incassare altri 2,4 milioni di euro di bonus per aver raggiunto la qualificazione alla semifinale del torneo e aprirebbe la strada verso quello che potrebbe diventare un vero e proprio miracolo sportivo (date tutte le difficoltà di organico fin qui riscontrate).

Raggiungere le Semifinali di Europa League per un club come la Roma vorrebbe dire aumentare il valore della propria immagine internazionale e quindi anche del proprio brand. Potrebbe aprire la strada ad ulteriori sponsor tecnici (viste le difficoltà con gli sponsor attuali) ed ad altri accordi commerciali.

Raggiungere le Semifinali di Europa League vorrebbe dire scrivere la storia di questo club.