El Shaarawy-Chris Bowman: la ricetta per la Juve

La Roma si prepara per la sfida di domani alle 18 all’Allianz Stadium di Torino contro la Juventus. Fonseca ha alcuni dubbi di formazione e, uno di questi riguarda proprio il neo arrivato Stephan El Shaarawy. Il giocatore sta lavorando duramente per tornare in forma e riprendere il ritmo partita: il Faraone però già sembra  in ottima condizione fisica, merito del grande lavoro svolto a Dubai con l’aiuto di un preparatore atletico che lo ha allenato come se fosse una vera e propria preparazione pre stagione.

LA PREPARAZIONE DEL FARAONE

Stephan nell’ultimo mese ha seguito nella città degli Emirati una preparazione atletica molto importante, in palestra e sul campo di calcio. Trenta giorni di intensi allenamenti, come se fosse una vera e propria preparazione pre stagionale.Un allenamento naturalmente intervallato dal lavoro sul campo con il pallone, tra corsa a ostacoli, tiri in porta, passaggi nello stretto ed esercitazioni con le mini porte. Anche su questo El Shaarawy si è affidato allo stesso personal trainer: Chris Bowman, ex preparatore atletico del Leeds United e del Bolton che ha deciso diversi anni fa di aprire una sua attività a Dubai, per lavorare sui giocatori che trascorrono le vacanze negli Emirati o che aspettato di tornare a giocare a calcio ad alti livelli. El Shaarawy non si è voluto far trovare impreparato e, da inizio dicembre, ha deciso  di affidarsi a lui per tornare in forma. E i risultati si vedono.

STEPHAN PRONTO PER LA JUVENTUS?

Ora il dubbio è se convocarlo anche solo per fargli sentire il clima squadra. La decisione del tecnico arriverà solamente oggi dopo la conferenza stampa: oggi per il Faraone è in programma una doppia seduta di allenamento proprio per continuare a lavorare sul ritmo e il fiato e metterlo in pari fisicamente con il resto della squadra. Il Faraone ha già svolto metà allenamento individuale e la restante metà con il gruppo e spera di esserci per la partita contro i bianconeri. Ovviamente non dal primo minuto, dato che l’ultima partita ufficiale in Cina il Faraone l’ha disputata a fine agosto, e in autunno ha limitato le proprie apparizioni in campo alle gare con la maglia della Nazionale. E probabilmente prima di vederlo giocare titolare, qualche altra settimana dovrà trascorrere. Ma la sua presenza insieme al gruppo a due giorni dal big match con la Juventus apre qualche spiraglio su una possibile convocazione.