Diritti tv, la posizione della Roma. Si decide il 29 marzo

BAGARRE DIRITTI TV

È guerra aperta per i diritti tv del prossimo triennio 2021-2024. Come riferisce Il Tempo, ancora non sono stati assegnati a nessuno. Sembrava molto vicino a questo traguardo Dazn con 840 milioni, la proposta più ricca per sette gare in esclusiva e tre in co-esclusiva, ma è mancato solamente un voto. La piattaforma non convince alcuni club che credono di perdere visibilità con questo operatore. Nell’Assemblea della Lega Serie A di ieri, dove non sono mancati momenti di tensione tra i partecipanti, la Roma si è astenuta. Insieme ai giallorossi anche Benevento, Bologna, Crotone, Genoa, Sampdoria, Sassuolo e Spezia si sono astenute, mentre il Cagliari ha abbandonato al momento di esprimere la propria preferenza. Servono 14 voti per scegliere, al momento si è arrivati ad 11 (Atalanta, Fiorentina, Hellas Verona, Inter, Juventus, Lazio, Milan, Napoli, Parma, Udinese e Torino). I prossimi giorni saranno decisivi con una nuova assemblea programmata per il 29 marzo, data della scadenza del bando. Se non si dovesse arrivare ad un accordo si ripartirebbe da zero e la Lega potrebbe inserire una partita in chiaro: Rai e Mediaset potrebbero essere interessate a questo tipo di pacchetto.

LETTERA DI SKY

Sky ha inviato una lettera a tutti i club di Serie A, confermando il proprio impegno sui diritti tv. Nel testo, la pay-tv di Comcast si è detta pronta a confermare a parità di condizioni l’offerta fatta anche oltre la data del 29 marzo, giorno in cui scadranno le proposte presentate alla Lega per trasmettere il campionato nel triennio 2021/24.

DIRITTI INTERNAZIONALI

La Lega ha preso una decisione sull’assegnazione dei diritti tv internazionali. Ecco il comunicato:

L’Assemblea della Lega Serie A si è svolta oggi (ieri, ndr) con la partecipazione in collegamento video di tutte le 20 Società. I club, all’unanimità, hanno assegnato i diritti audiovisivi internazionali per il territorio USA: “Siamo molto soddisfatti per aver assegnato i diritti audiovisivi di Campionato e Coppa Italia, per il triennio 21/24, a una major come CBS Broadcasting – ha detto l’Amministratore Delegato della Lega Serie A Luigi De Siervo -. In un’area strategica come gli Stati Uniti d’America abbiamo incrementato di oltre il 30% il valore dei nostri diritti con un partner di primaria grandezza come CBS. Quello di oggi non è un punto di arrivo, ma anzi l’inizio di un percorso di investimenti in risorse umane e contenuti editoriali funzionali a supportare la crescita costante della Serie A in tutto il Nord America. Questo risultato è il frutto del lavoro degli ultimi 18 mesi e del sempre crescente numero di proprietà americane che hanno deciso di investire nelle nostre franchigie”.