Capello: “Scudetto? Sensi, Bati e Totti, quanti ricordi. Mourinho? Sempre ammirato”

L’ex allenatore della Roma, Fabio Capello, ha rilasciato un’intervista per la Gazzetta dello Sport parlando del suo passato in giallorosso e per l’appunto facendo riferimento allo Scudetto conquistato con il club capitolino nel 2001, il cui anniversario sarà tra due giorni (il 17 giugno). Oltre a rivivere le emozioni riguardanti quel successo, ha ricordato anche il Presidente Franco Sensi facendo cenno anche ad alcuni dei protagonisti di quella vittoria: da Montella a Batistuta, passando poi a Totti, Samuel ed Emerson. L’ex tecnico friulano si è espresso, inoltre, in merito all’attualità, dando la propria opinione sia sul nuovo mister della Roma, José Mourinho, che riguardo ai Friedkin. Di seguito le considerazioni di Capello.

Embed from Getty Images

La prime sensazioni che ricorda di quel giorno?
“Rabbia e gioia, ma anche tristezza. La rabbia, giusta, per quell’invasione di campo a pochi minuti dalla fine della pratica col Parma, che ci poteva far perdere la partita a tavolino. Pensi se uno avesse dato un colpo a un giocatore che cosa sarebbe successo. Poi, la felicità, certo, ma ricordo anche tanta tristezza. Non mi era mai successo – e non mi sarebbe accaduto mai più – di non festeggiare tutti insieme con squadra e dirigenti. Mi ricordo che chiesi di prenotare un ristorante o un hotel per stare insieme, invece non si fece nulla. Ognuno per conto suo. Ricordo che passai con lo champagne prima a casa di Montella, poi a quella di Emerson, ma non fu lo stesso. La cosa più brutta nel giorno più bello”.

Il presidente Sensi?
“Un grande, sia lui che la sua famiglia. Sapeva ascoltare. Con Batistuta costruimmo la squadra per vincere e lo facemmo. Fu davvero una vittoria corale”.

Con Totti, Samuel, Emerson…
“Lasci perdere. Vogliamo parlare di come giocava a calcio Francesco? Quello fu un successo di gruppo, in cui ognuno portò il proprio mattoncino. E quelli che giocavano meno, da Guigou a Di Francesco, forse sono stati più importanti degli altri”.

Embed from Getty Images

Partendo da quella squadra, avrebbe mai immaginato che in vent’anni la Roma non avrebbe più vinto uno scudetto?
“Mai. Ho ancora il rimpianto per la stagione successiva. Se non avessimo pareggiato col Venezia retrocesso, avremmo potuto rivincerlo subito”.

Arriva Mourinho: per la Roma può essere il nuovo Capello?
“Glielo auguro. L’ho sempre ammirato. Mi piace, ha le idee chiare, sa leggere le partite e ha coraggio. Poi, come sempre, c’è bisogno di bravi calciatori”.

Le piacciono i Friedkin?
“Mai conosciuti, ma mi sembrano delle persone serie, che parlano poco e fanno i fatti”.